NEWS

News

Mini corso sui Permessi di soggiorno

Il Comune di Ravenna ha attivato sulla piattaforma Regionale SELF il corso Minicorso sui permessi di soggiorno, organizzato in collaborazione con la Cooperativa Camelot nell’ambito del Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014 – 2020 (Progetto 879 – RADICI – Reti Amministrative Di Inclusione di Cittadini Immigrati in Emilia Romagna).

L’obiettivo del corso è avvicinare i dipendenti del Comune alla lettura e comprensione del permesso di soggiorno, documento fondamentale per la permanenza del cittadino straniero sul territorio italiano: è stato pertanto proposto agli operatori che si interfacciano maggiormente con l’utenza straniera (operatori degli sportelli Urp, anagrafe, le assistenti sociali, ecc.).

Il corso è di breve durata: circa un’ora e mezza, e si articola in 9 unità didattiche sui seguenti argomenti: elementi comuni a tutti i permessi di soggiorno; permessi di soggiorno per motivi di lavoro; per famiglia; permesso di soggiorno UE per soggiornanti lungo periodo; per richiesta asilo; per Asilo; per protezione sussidiaria; per motivi umanitari; Carta del familiare di cittadino  dell’UE.

I moduli comprendono pillole video, che mostrano i documenti in concreto, e dispense consultabili/scaricabili. Vi sono inoltre: un test di apprendimento finale, un questionario di gradimento e link utili per approfondire le tematiche oggetto del corso.

Gli iscritti, segnalati dai propri responsabili, sono stati complessivamente 100 di cui 40 del Servizio Sociale (assistenti sociali e amministrativi), 20 del Servizio Anagrafe e Stato Civile, 20 degli Uffici decentrati del territorio, 11 della Polizia Municipale e 9 del Servizio Diritto allo Studio.

I contenuti sono stati predisposti dalla cooperativa Camelot, mentre il tutoraggio di contenuto e di processo è stato svolto dai dipendenti dell’ente.

Il corso è stato completato da 83 dipendenti (con una percentuale del 83%): ha quindi riscosso un significativo successo.

La valutazione emersa dai test di gradimento restituisce un buon gradimento del corso. Sebbene taluni abbiano espresso riserve sulla brevità dei contenuti, nel complesso ne sono state apprezzate l’applicabilità all’ambito lavorativo e la semplicità nel trattare materie complesse. I partecipanti hanno dichiarato di avere maturato una maggiore conoscenza della materia, una maggior comprensione delle richieste che ricevono dagli utenti stranieri e la capacità di fornire loro informazioni più puntuali per orientarsi meglio nei vari percorsi e procedure.

Nel complesso riteniamo quindi l’esperienza positiva e molto utile ai colleghi interessati ad approfondire la tematica. Il corso resta quindi a disposizione del SELF e di tutti i soggetti pubblici, in particolare i Comuni, interessati all’argomento.

Maria Dima

Comune di Ravenna

U.O. Organizzazione, Qualità e Formazione

E-learning fai da te? ma con il SELF…

Per quanto il dibattito su pregi e difetti dell’E-learning  sia appassionante e ampiamente diffuso, la prospettiva economica sembra una questione oscura, lontana dai riflettori; forse perché si dà per scontato che l’E-learning “costi poco”, oppure semplicemente perché ognuno fa i conti a casa propria.

Eppure, valutare i costi dell’e-Learning non è secondario quando si deve decidere se e come adottare questa metodologia.

Senza entrare nel merito delle differenze di costo tra e-Learning e aula, questo articolo illustra una esperienza di Arpae Emilia-Romagna, che permette di confrontare il costo della produzione autonoma di e-learning sulla piattaforma SELF con il costo di acquisto sul mercato di un percorso e-learning erogato tramite piattaforma del fornitore. Gli elementi da considerare per una stima precisa sarebbero tanti: basti pensare all’efficacia  del corso, finalità tanto importante quanto difficile da misurare. Qui ci limitiamo a dare un ordine di grandezza sui costi, certamente perfettibile, dando per scontato che le entità considerate siano simili e confrontabili.

Veniamo ai fatti.

Nel biennio 2015-2016 Arpae ha prodotto internamente due corsi e-learning erogati tramite SELF, su “Anticorruzione” ed “Ecoreati”.

Non sono state sostenute spese vive per i dispositivi di registrazione audio/video poiché si sono utilizzati strumenti già disponibili in Agenzia: computer portatile, smartphone, cuffia e microfono, software di editing open source.

La piattaforma E-learning non ha comportato costi vivi per l’Agenzia poiché utilizza il sistema SELF in convenzione non onerosa con la Regione Emilia-Romagna.

Il costo stimato nella tabella che segue considera quindi sostanzialmente l’impegno del personale (tutto interno) che ha contribuito alla realizzazione dei corsi citati: Area Formazione, responsabile scientifico, relatori.

Tab. 1. Produzione
interna Arpae di e-learning su SELF nel 2015-2016 (1)

Risorse umane/strumentali impegno in ore costo stimato in € (2)
Piattaforma e-learning 0
Strumentazione 0
Dirigenza 200 10.000
Comparto 300 6.000
TOTALE 500 16.000

(1)          ogni corso ha richiesto l’impegno minimo di 1 progettista dell’Area Formazione, 1 responsabile scientifico, 5 docenti/relatori

(2)          si considerano 50 eur/ora per la dirigenza e 20 eur/ora per il comparto. Il dato è ricavato come media di medie partendo dalla retribuzione lorda annua. Fonte: elaborazione da Conto Annuale Arpae 2016

Il corso in e-learning “Aggiornamento quinquennale in tema di sicurezza sul lavoro per lavoratori” è stato invece acquistato sul mercato elettronico per 250 utenze al costo di 40 eur/utenza.

Considerando il numero di utenze per i tre corsi citati, si evidenzia, nella tabella che segue, l’ipotetico risparmio ottenuto con la produzione interna su SELF, rispetto all’acquisto a 40 eur/utenza.

Tab 2. Costo stimato
dell’autoproduzione e costo dell’acquisto sul mercato

PRODUZIONE – corso Utenze al 31/12/2016 A Costo produzione B Costo di acquisto (40 € / utenza) B-A Ipotetico risparmio produzione interna
ARPAE– corso ANTICORRUZIONE  su SELF 1.100 8.000 (stimato) 44.000
(ipotetico)
36.000
ARPAE
– corso ECOREATI  su SELF
250 8.000 (stimato) 10.000
(ipotetico)
2.000
ESTERNA
– corso Aggiornam. Sicurezza
250 10.000
(reale)
Risparmio
produzione ARPAE
38.000

Oltre al vantaggio di poter ri-erogare a costo zero i corsi autoprodotti, questi si sono distinti rispetto alla fornitura esterna per gli ottimi esiti di gradimento dei partecipanti (vedi articolo Sabattini, G. Formazione a distanza in Arpae. Feedback positivi, Ecoscienza 6/2016).

Inoltre, il fornitore esterno non ha – in questo caso – concesso i privilegi necessari per il monitoraggio diretto del processo formativo, ma inviava periodicamente riepiloghi sulla situazione (iscritti, accessi, risultati delle prove di apprendimento, ecc.) creando una dipendenza e un “gap” di ritardo.

Al contrario, i servizi offerti da SELF agli enti convenzionati, le Unità Formative Locali (UFL) garantiscono:

  • Possibilità di controllo diretto dei contenuti e degli strumenti didattici da parte dei progettisti
  • Facilità di gestione – per i tutor – di iscrizioni, monitoraggio e valutazione
  • Facilità di fruizione – per gli utenti – del percorso formativo
  • Supporto documentale ed HelpDesk dedicato

Questi pochi dati possono essere spunti di riflessione e base per ragionamenti più complessi, ma è evidente che, nel caso esposto, i corsi auto-prodotti sono costati meno e hanno funzionano meglio, grazie anche al SELF e ai servizi che offre alle sue UFL.

Giovanni Sabattini
ARPAE – Agenzia regionale per la prevenzione, l’ambiente e l’energia
dell’Emilia-Romagna
Servizio Sviluppo Organizzativo, Formazione, Educazione Ambientale